CHIUDI

Email Newsletter

Come Funziona?

Se voi essere sempre aggiornato sulle nostre novità , inserisci la tua email e riceverai una newsletter periodida.

CHIUDI

Continua lo shopping
Vai al carrello
L’Opzione di Scienze
marzo 7, 2018
gino buon vino 3.0

Una delle opzioni di questo anno per gli alunni di 2° media è scienze, condotto dalla prof.ssa. Suor Gabriella Savoia, la quale insegna matematica in alcuni classi. In questa opzione i ragazzi sono stimolati a ricercare informazioni scientifiche, che poi sviluppano su un file Word. Le seguenti ricerche sono state effettuate prendendo informazioni principalmente da questi siti scientifici: Focus e Zanichelli.

Fino a quest’oggi i ragazzi hanno eseguito ricerche sui seguenti argomenti: Harry Potter e la scienza, nuove terapie mediche, scoperte sulle clonazioni di macachi, genoma del gatto, effetto mpemba, scoperte di grotte sulla luna, cure igieniche contro la  leucemia e nuova specie di mammiferi.

Questo è l’articolo relativo all’effetto Mpemba :

Mpemba_

Viene chiamato effetto Mpemba, ed è un fenomeno secondo cui  alcuni liquidi caldi congelerebbero più in fretta di quelli freddi. Anche se questo fenomeno è noto da tempo, nessuno l’ha mai studiato in modo approfondito. Una squadra di ricercatori spagnoli è riuscito a dare una spiegazione teorica. Nel IV secolo a.C. Aristotele aveva capito che i liquidi preriscaldati tendono a congelare più rapidamente. Dagli studiosi Francis Bacon e Cartesio sono arrivate delle osservazioni nei secoli successivi, ma nessuno sembra essersi mai dedicato a uno studio approfondito del fenomeno. La rivoluzione arriva a metà del Novecento in Tanzania. Nel 1969 Erasto Mpemba, uno studente, sta preparando una miscela per il gelato in un corso di culinario. I tempi stringono e, a differenza del suo compagno di corso, Erasto decide di infilare la miscela ancora calda nel congelatore senza aspettare che sia ritornata a temperatura ambiente. Dopo un po’ i due studenti  ritornano a controllare il gelato e, con sorpresa, Erasto vede che il suo liquido è già compatto, invece quello dell’amico  ancora non si è congelato completamente. Mpemba condivide la sua osservazione con il professore dell’Università di Dar es Salaam. I due scrivono un articolo che verrà pubblicato nel 1969 sulla rivista Physics Education con l’ originale titolo «Cool?».Da allora il fenomeno è conosciuto da tutti come effetto Mpemba. Nell’articolo pubblicato su Physical Review Letters i ricercatori spagnoli hanno studiato che le particelle di un fluido, urtandosi, cedono energia; una delle ipotesi è che, se il liquido è caldo, il moto delle particelle sia più veloce e che questi “scontri” avvengano con più semplicità. Questo spiega perché il raffreddamento sia più rapido.

Fonti: Zanichelli archivio

A cura di: Margherita e Marianna dell’opzione di scienze

 

Emanuele e Matteo di The Lords of Blog

 

 

 

Mpemba_ Effetto Mpemba
Arrow TopTorna Su
TORNA SU