CHIUDI

Email Newsletter

Come Funziona?

Se voi essere sempre aggiornato sulle nostre novità , inserisci la tua email e riceverai una newsletter periodida.

CHIUDI

Continua lo shopping
Vai al carrello
Cosa Mangi in Giro Per l’ Italia❓❔🍕🥩
marzo 1, 2019

Molte persone visitano le regioni italiane senza conoscere i … PIATTI TIPICI

VALLE D’ AOSTA

Questo piatto nasce dal unione di due prodotti tipici di queste zone: polenta e fontina! La polenta, unita alla fontina (un tipo di formaggio), diventa perfetta per scaldarsi nelle lunghe e frette notti alpine.                                                                                                                                                                                

PIEMONTE

Il gianduiotto o giandujotto  è un cioccolatino a forma di barca rovesciata composto da  cioccolata  chiamata gianduia che si produce a Torino. Solitamente è avvolto in carta dorata o argentata.

Risultati immagini per GIANDUIOTTI TORINESI

LIGURIA

La Liguria, Genova in particolare, è molto famosa per la preparazione del pesto, un condimento realizzato con basilico, pinoli, olio e aglio. Questo piatto è molto buono con le trofie, una pasta fresca tipica di queste zone che è arrotolata e ricorda un po’ un cavatappi. Alcuni considerano le trofie la versione “povera” degli gnocchi, perché fatte solo con acqua e farina.

LOMBARDIA

Questo piatto ha un caratteristico colore dorato, dato dallo zafferano, che dà un po’ l’idea di ricchezza. La ricetta risale al ‘500, quando l’assistente di un pittore, che amava particolarmente il colore dello zafferano, al matrimonio della figlia del suo capo si mise d’accordo con il cuoco per aggiungere dello zafferano al risotto con burro che sarebbe stato servito al banchetto. La reazione? Totale apprezzamento!

Risultati immagini per RISOTTO ALLO ZAFFERANO

TRENTINO-ALTO-ADIGE

I canederli sono tra i piatti più presenti nei menù dei ristoranti trentini, però prendono il nome dal tedesco, dalla Baviera in particolare, dove si chiamano Knödel. Sono delle piccole palline fatte con pane impastato con ingredienti diversi da zona a zona, ma di solito speck, formaggio, latte e erba cipollina.

Risultati immagini per CANEDERLI

FRIULI-VENEZIA-GIULIA

Il frico è una specie di frittata a base di formaggio, patate e burro. Era il piatto tipico di boscaioli e contadini, i quali lo portavano con sé quando andavano a lavorare nei campi. Ancora una volta un piatto povero e centrato sul risparmio! La ricchezza della cucina italiana sta proprio nella semplicità dei piatti.

Risultati immagini per FRICO

VENETO

Il tiramisù è il dolce italiano per eccellenza, un capolavoro, tanto semplice da realizzare quanto goloso, a base di quattro ingredienti principali: mascarpone, uova, savoiardi e caffè. Questo dessert freddo è una preparazione di grande successo che presenta una notevole serie di varianti. Questa che vi proponiamo è la versione tradizionale.

Risultati immagini per TIRAMISù
EMILIA-ROMAGNA

I tortellini sono una pasta ripiena con prosciutto, funghi o carne e sono perfetti con il brodo o il ragù. Ma sapete perché hanno questa forma? C’è una leggenda molto curiosa: nel 1200 arriva in una locanda una donna giovane e molto bella. Il proprietario della locanda accompagna la donna nella sua camera e, profondamente attratto dalla sua bellezza, rimane a spiarla dalla serratura della porta. A colpirlo particolarmente sarà l’ombelico della donna. Così al momento di preparare la cena, l’uomo ricorda quella meravigliosa immagine e tira la sfoglia proprio in modo da ricreare quell’ ombelico! Decide poi di riempire la sfoglia di carne.

Immagine correlata

TOSCANA

 Se state pianificando un weekend nella Capitale italiana… non potete assolutamente perdervi un buon piatto di carbonara! Uova e guanciale sono gli ingredienti per eccellenza, assieme a formaggio pecorino e pepe. Diffidate dalle imitazioni! Niente panna, niente cipolla, niente aglio e niente burro, mi raccomando!

Risultati immagini per CARBONARA

ABRUZZO

Gli arrosticini abruzzesi sono un secondo piatto  a base di carne di pecora! La carne viene tagliata in piccoli pezzi e poi cotta arrosto, per questo si chiamano “arrosticini”. E… la tradizione vuole che questo piatto sia stato inventato negli anni ’30 del 1900. Due pastori avevano una pecora vecchia, dunque la sua carne era un po’ dura e difficile da mangiare; per questo hanno deciso di tagliarla in piccoli pezzi, affinché fosse più facile da mangiare.

 Risultati immagini per spiedini di pecora
MOLISE
 Il guanciale è un prodotto molto diffuso sul territorio molisano. La forma triangolare derivata da quella della guancia del maiale, che viene condita nella parte esterna con sale, pepe, aglio e peperoncino diavolillo.  Ha un sapore più caratteristico rispetto alla pancetta e una consistenza più tenace, un leggero sentore di affumicatura e una punta di piccante finale.
Risultati immagini per guanciale
CAMPANIA

La pizza tradizionale è caratterizzata dai tre colori della bandiera italiana: rosso del pomodoro, bianco della mozzarella e verde del basilico!

Dal 5 febbraio 2010 è ufficialmente riconosciuta come specialità tradizionale garantita dell’Unione Europea e nel 2017l’arte del pizzaiolo napoletano, di cui la pizza napoletana è prodotto tangibile, è stata dichiarata dall’ UNESCO come patrimonio immateriale dell’ umanità.

Risultati immagini per pizza napoletana

PUGLIA

Si tratta di un piatto che associa bontà, semplicità e leggerezza: le rape, un tipo di verdura, vengono abbinate con una pasta fatta a mano che ricorda un po’ delle piccole orecchie, da qui il nome “orecchiette”! Nel 1500, quella di preparare le “recchjtedd” 1 era considerata una dote matrimoniale per le ragazze!

Risultati immagini per orecchiette cime di rapa

BASILICATA

Si tratta di una ricetta antica, tramandata di generazione in generazione.Le lagane sono un tipo di pasta fresca come delle tagliatelle ma molto più larghe.Unite ai ceci e alla passata di pomodoro, sono perfette soprattutto per una fredda serata invernale.

Risultati immagini per LAGANE E CECI

CALABRIA

Questa tipica pasta calabrese è unita alla ‘nduja, che è un salame molto particolare perché si può spalmare! Attenzione però: è molto piccante!

SICILIA

Se state pianificando di trascorrere l’estate in Sicilia non potete rinunciare agli arancini: palle di riso con ragù, piselli e formaggio che vengono impanate e poi fritte! Ma a proposito di questo piatto c’è una disputa antichissima: arancino o arancina? Maschile o femminile? La risposta dipende dalla città e dalla forma: nella zona di Palermo si chiamano arancine (quindi femminile) e hanno la forma di una palla, che ricorda un’arancia. Nella zona di Catania, però, cosi come anche nei dizionari di italiano, si chiamano arancini (quindi maschile) e hanno più la forma di una goccia.

Risultati immagini per ARANCINI

SARDEGNA

In questo piatto molto particolare le fette croccanti del pane Carasau (pane tipico sardo) sono alternate con strati di sugo di pomodoro e formaggio pecorino. Alla fine si mette un uovo cotto in brodo di pecora…

 

 

 Questo è tutto dalla redazione Lord of the Blog EMANUELA e ALESSIA

 

Arrow TopTorna Su
TORNA SU